martedì 7 gennaio 2014

Rivalta, il fuoco arriva con le canoe

Duemila persone hanno assistito a Rivalta sul Mincio alla spettacolare accensione del buriel. Il fuoco, come da tradizione, è arrivato con le canoe del gruppo canoistico rivaltese che ha organizzato la spettacolare manifestazione

Mille, forse duemila persone, hanno assistito ieri sera, alle 18, alla spettacolare accensione del buriel di Rivalta. Tra le esclamazioni di meraviglia dei bambini, il fuoco è arrivato dal fiume, trasportato dal gruppo canoistico rivaltese, che, da tradizione, ha organizzato la suggestiva fiaccolata in canoa dell’Epifania.

La befana, impersonata dall’assessore alla famiglia di Rodigo Patrizia Chiminazzo, è arrivata a bordo di una tipica imbarcazione in legno e ha acceso il grande falò allestito sulla riva del Mincio, di fronte all’incantevole presepe sull’acqua. La festa era iniziata un’ora prima, con la cerimonia di chiusura della prima edizione di “Gessetti d’inverno”, un’iniziativa organizzata dalle Pro Loco di Rivalta e di Curtatone, che segna l’inizio di una collaborazione destinata ad intensificarsi in futuro e a produrre nuove interessanti manifestazioni.


Tutto era cominciato il 15 dicembre, quando un gruppo di madonnari s’era riunito alle Grazie per dipingere su pannelli lignei, ma con i tradizionali gessetti, opere ispirate al Natale. Gli artisti, con le loro creazioni, s’erano poi imbarcati su un battello, con il quale avevano raggiunto Rivalta. Un viaggio che voleva sottolineare il legame dei due villaggi, uniti tra loro dal fiume e da comuni tradizioni. Le opere a gessetto, collocate sotto il porticato del loghino di Corte Mincio, accanto ai dipinti ad olio realizzati da alcuni artisti mantovani, sono rimaste in mostra fino a ieri pomeriggio, quando una giuria d’esperti s’è riunita per scegliere le migliori creazioni dei madonnari.

Per la Pro Loco di Curtatone, c’erano la presidente Marina Ferrari, la pittrice Germana Tambara e Romeo Nicoli, presidente dell’associazione dal 1973 (anno in cui nacque il concorso internazionale della fiera della Grazie) al 1986. Per la Pro Loco di Rivalta c’erano l’assessore Patrizia Chiminazzo, la restauratrice Annalisa Morselli e la pittrice Silvia Caimi.

All’unanimità i membri della commissione hanno deciso di segnalare tutte le opere dei madonnari semplici, poiché ognuna di esse è stata giudicata interessante dal punto di vista artistico, realizzata abilmente ed aderente al tema. Per questo Violeta Cotenau, Leonardo Sabbadini, Antonio Cristalli ed Andrea Cavallini potranno accedere di diritto al concorso di Ferragosto. Ringraziamenti ed attestati di partecipazione sono stati distribuiti ai maestri madonnari Ketty Grossi, Bruno Fabriani e Mariangela Cappa, che hanno contribuito con i loro gessetti all’esposizione senza essere in gara, ed ai pittori mantovani Andrea Artoni, Gabriele Spadi, Teresa Restori, Giorgio Mazzi e Pantaleoni. Tra le tavole ad olio c’era anche l’ultimo dipinto incompiuto di Marco Bertaiola. All’artista, scomparso l’anno scorso, è stato dedicato un commosso ricordo.

Rita Lafelli

[Fonte: Gazzetta di Mantova del 07/01/2014]