giovedì 5 gennaio 2017

La Pro Loco Rivalta brinda ai 50 anni e pensa alla nuova sede

Il 2017 nasce sotto una buona stella per la Pro Loco “Amici di Rivalta”, che quest’anno festeggia mezzo secolo di attività. «E’ un traguardo significativo e vorremmo celebrarlo regalando alla comunità nuovi eventi ed iniziative - anticipa il presidente dell’associazione, Loris Bassi - Stiamo lavorando soprattutto per arricchire l’offerta ricreativa, ma senza perdere di vista la costruzione della nostra nuova sede, che ci piacerebbe inaugurare entro il 2017». Gennaio è il mese dei progetti e in casa Pro Loco si respira un’atmosfera di ottimismo, grazie ad un 2016 costellato di soddisfazioni.



«L’anno scorso è stato positivo per la nostra associazione - commenta Bassi - Tra i risultati di cui siamo orgogliosi c’è la buona riuscita del Mincio in Canoa, in particolare della tappa Goito-Mantova, che a settembre abbiamo portato fino in fondo, seguendo il percorso originale e sbarcando a Campo Canoa, dopo le difficoltà del 2015, quando non eravamo riusciti a superare l’ostacolo della centrale idroelettrica sulla Vasarina e, di conseguenza, non eravamo andati oltre al lago Superiore». Rivalta vive in simbiosi con il fiume e sull’acqua si concentrano le attività della Pro Loco e delle sue costole (il Gruppo Canoistico Rivaltese e gli Amici del Mincio). Gli obiettivi dell’associazione sono la tutela dell’ambiente e la promozione della cultura e dell’enogastronomia.

«Alle escursioni diurne e notturne in kayak hanno partecipato più di 400 persone, tra cui molti turisti arrivati da tutto il nord Italia - spiega Bassi – e la Festa del Pesce ha attirato oltre un migliaio di affezionati, nonostante il trasferimento da Corte Mincio a piazza Basile». Tra i momenti più significativi del 2016 spicca l’avvio della collaborazione con Slow Food, suggellata la scorsa estate, nel corso di un evento che ha visto i volontari del gruppo canoistico rivaltese dare vita ad una spettacolare fiaccolata sulle acque del Rio. «Un momento magico ed irripetibile - sottolinea - siamo stati i primi a percorrere il Rio in canoa e forse resteremo gli unici ad aver avuto questo privilegio».

Nell’album dei ricordi del 2016 figurano anche la sottoscrizione del Contratto di Fiume (l’accordo promosso dal Parco del Mincio di cui la Pro Loco Rivalta è stata tra i primi firmatari) ed alcune iniziative dedicate alla solidarietà. «A giugno, durante la tradizionale ‘cena tedesca’, siamo riusciti a raccogliere 2.400 euro, che abbiamo devoluto alla Casa del Sole e all’Anffas - spiega - e ad ottobre abbiamo inviato alle popolazioni terremotate del Centro Italia più di 2mila euro, raccolti nel corso di un pranzo organizzato in collaborazione con tutti i gruppi di volontariato del territorio». Infine Bassi conclude: «Desidero ringraziare i 140 soci della Pro Loco e l’amministrazione comunale di Rodigo, che ci ha supportato in tutte le attività».

Rita Lafelli

[Da Gazzetta di Mantova del 05/01/2017]